Bio


Sassofonista di rilievo nel panorama jazz nazionale, Marcello Allulli si distingue sia come leader che come membro di formazioni tra cui MAT Marcello Allulli Trio, Maria Pia de Vito Rita Marcotulli 5et,Glauco Venier Ensemble, Ceccarelli-Allulli duo guest Greta Panettieri, Mufloni, RAJ trio, Ettore Fioravanti 4tet.
Diplomato al Berklee College of Music di Boston, dal 2011 al 2016 è stato votato al JAZZIT AWARD tra i migliori sassofonisti italiani.
Tra le collaborazioni: Kenny Wheeler, Norma Winstone, Fabrizio Bosso, Antonello Salis, Maria Pia De Vito, Rita Marcotulli,Roberta Escamilla Garrison, John B. Arnold,Ettore Fioravanti,Roberto Gatto,Michel Godard, Tony Scott, Dave Binney,Shai Maestro,Kamal Musallam.
Il suo MAT-Marcello Allulli Trio, formato con due tra i musicisti più interessanti del panorama italiano, il chitarrista Francesco Diodati ed il batterista Ermanno Baron, ha riscosso un grande successo di critica e di pubblico con il disco “Hermanos” (ed. Zone di Musica) che JAZZIT ha inserito tra i migliori album nazionali e internazionali del 2011 e che è stato protagonista di un tour fitto di date in tutta Italia insieme a Fabrizio Bosso.
Ad aprile 2014 l’uscita del nuovo e atteso album intitolato “MAT”, con ospiti Antonello Salis, Glauco Venier, David Boato e Greta Panettieri, che sarà distribuito anche dal magazine JAZZIT come allegato al numero di gennaio-febbraio 2015.
L’intensa carriera di concerti internazionali lo vede protagonista in USA, Emirati Arabi, Giordania, Indonesia, Giappone, Turchia, Francia, Germania, Spagna, Belgio, Norvegia, Austria, Israele, Libano, Finlandia, India, Portogallo, Danimarca.
Tra le più importanti location italiane: Umbria Jazz Festival, Auditorium Parco della Musica di Roma, Clusone Jazz Festival, Time in Jazz a Berchidda, Atina Jazz Festival, Poiesis Festival di Fabriano, Università La Sapienza di Roma, Correggio Jazz Festival,Jazz Image a Villa Celimontana e Teatro Ambra Jovinelli, dove ha aperto con il suo MAT la performance “Racconti” di Ascanio Celestini.

Ad aprile 2012 ha avuto l’onore di suonare con il MAT nello spettacolo “35 anni di Madres” alla presenza di Hebe De Bonafini, madre fundadora dell’Asociaciòn Madres de Plaza De Mayo.
Con il RAJ Trio, fondato insieme ad Antonio Jasevoli e Michele Rabbia, ha inciso nel 2010 l’album omonimo per l’etichetta Parco della Musica Records.
Dal 2004 al 2013 suona con  Nohaybandatrio, formazione jazz-core di punta del system italiano formata insieme a Fabio Recchia e Emanuele Tomasi. Nel 2012 esce il terzo disco del trio che ospita la collaborazione di artisti come Francesco Bearzatti e Giovanni Falzone.
Tra il 2011 ed il 2012 è stato Direttore artistico del Music Inn Jazz Club, storico tempio romano del jazz.
Da sempre proteso verso il settore cinematografico e teatrale, Marcello Allulli collabora nel 2002 con il pittore/scultore Gianfranco Baruchello per la realizzazione del video “Colpi a vuoto”. Nel 2003 compone le musiche per lo spettacolo teatrale “Canto per Shatila” scritto ed interpretato da Luigi Mezzanotte al Teatro dell’Orologio. Firma la colonna sonora del film “Ultimo Stadio” diretto da Ivano De Matteo. Nel 2012 il regista Francesco Calandra sceglie brani dell’album “Hermanos” come colonna sonora del film “La palestra”.
I grandi successi di pubblico ai concerti con il M.A.T. hanno portato alla realizzazione di performance multimediali in collaborazione con i visual artist Gabriel Zagni, Cristian Paraskevas, Nadia Cassino, Byruzz tra cui quelle progettate a Roma per il Teatro Ambra Jovinelli, per la Centrale Montemartini e per il Roma Jazz Festival all’Auditorium Parco della Musica.
Collabora stabilmente con la regista Federica Altieri per l’allestimento di spettacoli teatrali tra cui “Roma Patria Comune”, presentato all’Auditorium del Mecenate di Roma e nel settembre 2016 all’ Odin Teatret  a Holstebro in Danimarca per IIC di Copenaghen.

 

cav-r3-9105

 

 

One of the most eclectic saxophonist in Italy, Marcello Allulli is leader, member and special guest of many national and international ensembles, including MAT-Marcello Allulli Trio, Glauco Venier Ensemble, Kamal Musallam quartet, Mufloni, RAJ trio, Ettore Fioravanti 4tet, Nohaybandatrio, Hermanos Quartet.

From 2011 to 2016 he was voted at JAZZIT AWARD among the best italian saxophonists. Among the collaborations: Kenny Wheeler, Norma Winstone, Glauco Venier, Fabrizio Bosso, Antonello Salis,Rita Marcotulli, Kamal Musallam, Israel Varela,  Selen Gülün, John B. Arnold, Ettore Fioravanti, Giovanni Falzone, Michel Godard, Maria Pia De Vito, Tony Scott, Giovanni Ceccarelli, Dave Binney, Shai Maestro.

He has an intense international concert career, playing in USA, United Arab Emirates, Japan, Turkey, France, Germany, Spain, Belgium, India, Liban, Norway, Austria, Israel, Jordan, Indonesia, Denmark. Among the most important Italian locations where he played: Umbria Jazz Festival, Auditorium Parco della Musica in Rome, Clusone Jazz Festival, Time in Jazz in Berchidda, Atina Jazz Festival, Festival of Poiesis Fabriano, University La Sapienza of Rome, Villa Celimontana Festival, Teatro Ambra Jovinelli (where he opened with MAT trio the performance “Racconti” by Ascanio Celestini).

MAT-Marcello Allulli Trio is formed with two of the most interesting musicians of italian scene, guitarist Francesco Diodati and drummer Ermanno Baron, has constantly a great success with critics and audiences. The first album “Hermanos” feat. Fabrizio Bosso, voted as one of the best 2011 international album by the magazine JAZZIT. In April 2014 there was the release of new and awaited album titled “MAT”, with guests Antonello Salis, Glauco Venier, David Boato and Greta Panettieri, which will also be distributed in a brand new edition by the magazine JAZZIT. With MAT trio, Allulli is often in tour with special guests Antonello Salis, Fabrizio Bosso, Greta Panettieri.

In April 2012 he had the honor of playing with MAT in the show “35 years of Madres” at the presence of Hebe de Bonafini, mother fundadora of the Asociación Madres de Plaza de Mayo.

With RAJ Trio, founded with Antonio Jasevoli and Michele Rabbia, in 2010 he recorded the self-titled album for the label Parco della Musica Records. In 2004 the project Nohaybandatrio was born: actually it’s one of the best jazz-core band of Italy, formed with Fabio Recchia and Emanuele Tomasi. In 2012 the trio released the third album featuring great artists as Francesco Bearzatti and Giovanni Falzone.

Between 2011 and 2012 he was Art Director of Music Inn Jazz Club, an historic roman temple of jazz. Always leaning towards cinema and theater, Marcello Allulli collaborated in 2002 with the painter/sculptor Gianfranco Baruchello for making of video “Colpi a vuoto.” In 2003 he composed the music for the play “Canto per Shatila” written and performed by Luigi Mezzanotte at Teatro dell’Orologio. He also signed the soundtrack of the movie “Ultimo stadio” directed by Ivano De Matteo. In 2012 the director Francesco Calandra chose some tracks from MAT album “Hermanos” as soundtrack of the movie “La palestra”.

The great successes of public during the tours with MAT trio, led to creation of multimedia performance in collaboration with visual artists Gabriel Zagni, Cristian Paraskevas, Nadia Cassino, Byruzz including those realized in Rome at Teatro Ambra Jovinelli, Centrale Montemartini and Rome Jazz Festival (Auditorium Parco della Musica). He collaborates with director Federica Altieri for many theatre shows, as “Roma Patria Comune” (Auditorium del Mecenate di Roma) and they will perform in september 2016 at Odin Teatret in Holstebro-Danmark ,in collaboration with the Italian Istitute of Culture of Copenaghen.
He’s graduated at Berklee College of Music in Boston.